Essere hosting provider ci porta quotidianamente in contatto con i problemi di password poco sicure.

Da oramai tantissmi anni si trovano online migliaia di blog, post e articoli che spiegano come sia poco sicuro usare la password password oppure qwerty o ancora la combinazione di numeri segretissimi 123456.
Qui non vogliamo dilungarci su questo aspetto o raccontarvi i tanti aneddoti che ci accompagnano quotidianamente nel magico mondo delle password, ma regalarvi un semplice trucchetto che possa essere usato sempre, con la garanzia di non dimenticare più una password complessa in mezzo a tante altre password complesse.

Partiamo da principio…

Cosa è una password complessa

La password non devono solo contenere caratteri a-z, ma anche una combinazione di numeri e caratteri speciali come % * ( ) – +

Una password per ogni sito

Dovrebbe essere buon uso avere una password diversa per ogni sito che si usa sul quale avete creato un account e/o usate un servizio.
La parte che tanti credono difficile è poi ricordarsi le diverse password…motivo per il quale tanti (troppi) tendono ad usare o la stessa password per tutto o in alternativa una selezione di 2-3 password (che se i siti sono 2-3 allora tutto ok, ma se la stessa password la usate su 15 siti, allora non è che vada proprio bene in termini di sicurezza…)

Fatevi un algoritmo tutto vostro

Per poter ricordare le tante password a memoria (senza quindi l’ausilio di post-it, file excel o altri mezzi…) è necessario che creiate un vostro algoritmo personale.
In questo modo, non importa su quale sito stiate cercando di accedere, sarà sufficiente ricordarsi del vostro algoritmo…e vi ritornerà in mente subito la password.

Con un esempio tutto sarà più chiaro…

Il signor Paolo Rossi, nato nel 1970, si crea il suo algoritmo in questo modo:

Prime 2 lettere nome + Prime 2 lettere cognome + Simbolo % + Prime 2 lettere sito + Simbolo % + Anno di nascita

in questo modo se il signor Paolo Rossi  vuole creare un nuovo account su Gmail, in base a quanto scritto qui sopra, la password diventa:

PaRo%gm%70

quindi la parte comune a tutte le password sarà: PaRo%   %70 e verrà poi riempita in mezzo ai simboli % con le prime 2 lettere di ogni sito.

In questo modo diventa facile avere e ricordare una struttura per la creazione di password complesse.

Lo stesso sistema porterà il signor Paolo Rossi ad avere:
– su Facebook: PaRo%fb%70
– su Twitter: PaRo%tw%70
– su Instagram: PaRo%in%70

Se proprio invece siete degli smanettoni e non volete usare una logica del genere, ma volete sempre password complesse impossibili da trovare (e ricordare), allora il sito Strong Password Generator farà al caso vostro.